Archivi tag: compatibilità

Altri browser per SbnWeb

Recentemente ho avuto modo di provare brevemente alcuni browser con SbnWeb. Anche se non sono state prove che consentano conclusioni definitive sulla compatibilità, racconto di seguito quello che ho riscontrato.

Microsoft Edge è il browser Microsoft in dotazione a Windows 10, che sostituirà il tradizionale Internet Explorer, che ora non verrà più supportato. La prova che ho potuto fare è stata molto breve ma non ho notato incompatibilità, tutti gli elementi dell’interfaccia si sono comportati come previsto.

Midori è un browser libero e multipiattaforma (Linux, Windows e BSD) particolarmente noto per essere molto leggero e quindi utilizzabile anche su macchine molto datate. SbnWeb ha funzionato normalmente, solo la resa di qualche elemento è leggermente diversa da quella solita (in particolare, in genere nei menu viene visualizzata una riga vuota all’inizio) ma non ho trovato niente che possa creare difficoltà. Potrebbe quindi essere una soluzione da valutare – soprattutto se installata in una distribuzione leggera di Linux come la Puppy – per poter riciclare vecchi computer, con vantaggi economici e minimi (o inesistenti) sacrifici in termini di prestazioni.

Links è anch’esso un browser libero e multipiattaforma (Linux, Windows, Unix in generale e altri, compreso OS/2 e BeOS) che ha la caratteristica di essere un programma testuale: anche se è in grado di visualizzare immagini (se sono installate le librerie grafiche necessarie), io l’ho provato in modalità puramente testuale in cui tutti gli elementi del sito, come menu, bottoni, checkbox ecc. vengono resi tramite caratteri e non come grafica (chi li conosce può immaginare di lavorare col vecchio Sebina Produx o con Isis per DOS). Ovviamente il programma è leggerissimo, ancora più di Midori, ma l’esperienza d’uso dei siti web (anche col programma in modalità grafica) è molto diversa da quella a cui siamo abituati. A meno di essere appassionati delle interfacce a carattere o delle cose con aspetto vintage (il programma peraltro viene regolarmente sviluppato e l’ultima versione è dello scorso settembre) è più difficile immaginare un suo uso pratico nel lavoro quotidiano, se non per computer oltremodo datati o se per qualche ragione non è disponibile un’interfaccia grafica.

Fermo restando quindi che la compatibilità garantita per SbnWeb è quella con Firefox, che resta perciò la scelta preferenziale, pare che l’unica incompatibilità conclamata sia quelle con le vecchie versioni di Internet Explorer fino alla 7, mentre per il resto sono risultati utilizzabili tutti i browser provati, sia i più diffusi (Chrome, Opera e sembra anche le versioni recenti di Internet Explorer) e alcuni meno diffusi (SeaMonkey, Konqueror, Vivaldi ecc.).

SbnWeb e compatibilità coi browser (aggiornamento)

Come noto, il browser da considerare preferenziale per l’uso con SbnWeb è Firefox, mentre Internet Explorer, almeno fino alla versione 8 inclusa, è sempre stato di uso quanto meno difficile (per non dire impossibile) a causa di vari difetti di visualizzazione soprattutto nei menu.

Nei giorni scorsi ho visto una postazione in cui SbnWeb veniva usato con Internet Explorer 7 e ho scoperto che,  sorprendentemente, ora la visualizzazione dei menu è corretta, suppongo come effetto collaterale di qualche modifica ad SbnWeb (è più improbabile che la Microsoft abbia aggiornato IE7 appositamente per renderlo compatibile con SbnWeb …).

Ciò non vuol dire però che ora questo browser sia correttamente utilizzabile: alcuni comandi infatti, ad esempio l’icona per aggiungere all’inventario le note codificate, non venivano visualizzati per niente.

Viene quindi confermato che Internet Explorer è da evitare almeno fino alla versione 8 (sulle successive non ho notizie precise) e che Firefox è la scelta preferenziale. Finora comunque sono risultati compatibili anche gli altri browser di uso comune (Chrome, Opera, Safari, Seamonkey, sembra anche Konqueror).

Come già osservato, questo comporta anche che non c’è alcun vincolo ad usare Windows ma si può scegliere qualsiasi sistema operativo che supporti Firefox o almeno un altro browser compatibile. Ciò a sua volta apre prospettive interessanti per l’uso, come postazione SBN, di vecchi computer equipaggiati con un sistema operativo leggero e un browser.

Altre informazioni si trovano su: https://pololig.wordpress.com/2011/06/23/browser-e-sistemi-operativi/.

Chi avesse sperimentato altri browser ci racconti i risultati.

SbnWeb con Tor

Abbiamo provato in varie occasioni ad utilizzare SbnWeb con il proxy anonimizzatore Tor  ed il risultato è stato molto positivo: non abbiano notato alcun malfunzionamento e i rallentamenti tipici di questo genere di soluzione sono avvertibili ma decisamente modesti.

Non è il caso di spiegare qui tutto su Tor, perché sul suo sito le stesse cose sono già spiegate molto meglio (anche in italiano), ma qualche accenno ci vuole in modo che chi non conoscesse l’argomento possa capire di cosa stiamo parlando.

Tor è un software libero che ha lo scopo di anonimizzare il collegamento ad internet, facendo passare la connessione tra una serie di nodi scelti casualmente, in modo che nessuno conosca l’intera connessione: il primo nodo sa qual è l’indirizzo di partenza ma non quello di arrivo, l’ultimo conosce l’indirizzo di arriva ma non quello di partenza, gli altri non sanno né l’uno né l’altro, ma solo quelli del nodo precedente e successivo.

Il contenuto della comunicazione è crittografato dall’origine (o meglio dal proxy Tor sulla macchina di origine) all’ultimo nodo, ma non da questo a destinazione.

Tor garantisce l’anonimato nel senso che protegge dall’analisi del traffico: tenendo sotto osservazione il traffico di un computer che usa Tor, non si può sapere a quali indirizzi si collega (questo vale però solo per i collegamenti che fanno uso di Tor).

Non protegge da altre minacce ai dati personali, ad esempio software che intercettano i dati localmente prima che siano passati a Tor, e a maggior ragione da siti ai quali l’utente stesso fornisce dati personali: se uno va su Facebook a raccontare tutti gli affari suoi, Tor e tutti gli altri programmi del genere non possono farci proprio niente.

Il modo più comodo per installare Tor è usare Vidalia, che automaticamente installa e configura tutti i componenti, e si trova anch’esso sul sito ufficiale di Tor.

Il client SBN e Vista

Come noto, la compatibilità del client SBN con Windows Vista non è mai stata ufficialmente dichiarata. Alcuni utenti lo hanno provato, e finora sembra che il programma funzioni regolarmente. Sono stati segnalati malfunzionamenti alla tastiera virtuale, che in alcuni casi non inserisce il carattere selezionato, ma su altre postazioni questo non è stato riscontrato.

Al momento sembra quindi che si possa usare il client sotto Vista con una certa fiducia, anche se non c’è ancora la certezza completa che non possano emergere problemi: è quindi opportuno che anche chi usa Vista faccia in modo da mantenere ancora a disposizione una macchina con XP o anche Windows 2000.

Ricordo infine che sotto Vista è indispensabile usare il client Stonegate versione 4.

—-

Dopo circa tre mesi dalle osservazioni riportate sopra, abbiamo ampiamente usato SBN c/s con Vista agli incontri sulla catalogazione e in altre occasioni e non abbiamo mai riscontrato alcun incenveniente. Mi sembra quindi che ormai Vista possa essere usato con notevole tranquillità almeno per le procedure di catalogazione e gestione del documento fisico. Non l’abbiamo provato invece con le acquisizioni e i servizi.